Posts Tagged ‘Welte-Mignon’

Gustav Mahler nei rulli Welte-Mignon

9 maggio 2009
Gustav Mahler - profilo

Gustav Mahler - profilo

Il 9 novembre 1905 il già celebre direttore d’orchestra e compositore (oggi le qualifiche sarebbero invertite) Gustav Mahler entrò negli studi della Welte-Mignon per registrare 4 rulli per pianoforte per una durata complessiva di circa 26 minuti. Mahler scelse due dei suoi lieder e due tempi di sinfonia: l’ultimo tempo della quarta e il primo tempo della quinta. Normalmente si dà poco credito ai rulli per pianoforte incisi tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento, prima che la registrazione sonora facesse quei grandi passi in avanti che oggi ci permettono di avere una fedeltà straordinaria. Il problema fondamentale dei rulli per pianoforte era l’assenza della dinamica e quindi la seguente impossibilità di trasmettere l’espressione. Non solo, anche accettando questa limitante carenza, il risultato era già di per sè piuttosto innaturale. La tedesca Welte-Mignon, ad inizio novecento, rivoluzionò la tecnica dell’incisione sui rulli, dapprima passando dai cilindri chiodati alla carta perforata (ovviamente più facile da riprodurre) e successivamente introducendo un rivoluzionario e complesso sistema che permettesse la registrazione della dinamica delle note suonate. Il funzionamento è piuttosto complesso da descrivere, per questo rimando chi volesse avere maggiori informazioni ai link che ho inserito in coda all’articolo. In breve, nel sistema brevettato nel 1903 utilizzato da Mahler, la dinamica delle note (divise in due gruppi: quelle basse e quelle alte) veniva registrata a parte con l’uso dell’inchiostro. La registrazione della dinamica non per ogni nota ma per i due gruppi fondamentali (bassi e soprani) può risultare limitante, ed in effetti non può che esserlo, ma non lo è tanto quanto si può pensare, soprattutto pensando a quanto si acquista in espressività rispetto all’assenza totale di informazioni sulla dinamica. Il rullo finale, contenente sia la coppia altezza-durata delle note (peraltro già presente nei rulli più semplici, seppur con minor fedeltà) che l’informazione ad inchiostro sulla dinamica, veniva poi esaminato dai tecnici della Welte-Mignon, che si occupavano di eliminare manualmente alcune imprecisioni dovute alla meccanica della registrazione, soprattutto per quanto riguarda la dinamica, che veniva il più possibile resa fedele all’esecuzione del pianista di turno. Il risultato che oggi è possibile ascoltare va davvero oltre ogni più ottimistica previsione, basti ascoltare i brani che riporto qui sotto.

Un Welte-Mignon (senza tastiera)

Un Welte-Mignon (senza tastiera)

Non si spiegherebbe altrimenti la grande quantità di pianisti e compositori che si cimentarono nell’opera così inusuale costituita dalla registrazione dei propri lavori:  Paderewski, Lhevinne, Hofmann, Gieseking, Ganz, Horowitz, Saint-Saëns, Grieg, Richard Strauss, Debussy, Busoni e molti altri. I rulli registrati erano poi pronti per essere riprodotti da pianoforti preparati appositamente solo per la riproduzione. I rulli lasciati da Mahler, riprodotti e registrati nel 1992 in alta qualità sonora, sono sorprendenti soprattutto alla luce delle interpretazioni note dalla discografia ampia delle sue sinfonie. E’ davvero difficile accostare le sue personali visioni del celstiale finale della quarta o dell’esordio funebre della quinta alle più celebrate incisioni discografiche della seconda metà del secolo (basti pensare a Bernstein). Se c’è qualcuno che si avvicina, almeno nei tempi, a questo Mahler, è il suo allievo Bruno Walter, altro grande direttore d’orchestra del novecento, che di persona aveva potuto conoscere ed ascoltare Mahler.

Ecco dunque il quarto movimento della quarta sinfonia:

Ecco la stessa registrazione con la sovrapposizione del canto del soprano Yvonne Kenny:

e il primo tempo della quinta:

Come sempre, vi auguro un buon ascolto!

Per saperne di più sui sistemi di registrazione e di riproduzione automatica della Welte-Mignon, vi segnalo i seguenti documenti in rete:
http://www.pianola.org/reproducing/reproducing_welte.cfm
http://welte.ub.uni-freiburg.de/en/index.html


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: